AlRawabi School for Girls, serie tv Netflix: educazione femminile in Medio Oriente, tra bullismo e vendetta

Ha debuttato in sordina su Netflix a metà agosto: AlRawabi School for Girls è un drama prodotto e interpretato interamente da donne arabe.
Una storia di bullismo, vendetta e violenza.
Ecco perché vedere questa serie.

Questa serie è il secondo originale Netflix ambientato in Medio Oriente – dopo la meno riuscita Jinn – con un cast di promettenti talenti giordani: AlRawabi School for Girls riflette l’interesse della piattaforma streaming in un investimento duraturo in contenuti arabi mediorientali.
Ambientata infatti in Medio Oriente, è un dramma (non lo chiameremo teen drama nonostante le protagoniste siano delle adolescenti) sulla vita di un gruppo di giovani liceali, prodotto e interpretato interamente da donne arabe.
La sceneggiatura e la regia della serie sono della regista giordana Tima Shomali in collaborazione con la scrittrice Shirin Kamal, la produzione è di Nadine Toukan, e la fotografia di Rachel AounAhmad Jalboush.

La trama di AlRawabi School for Girls

Mariam (Andria Tayeh), studentessa introversa e riservata, è uno dei bersagli di Layan (Noor Taher) e delle sue amiche bulle Rania (Joanna Arida) e Roqayya (Salsabiela A.).
Il trio terrorizza da anni le studentesse della scuola per ragazze AlRawabi, e ogni giorno esercita abusi di potere e atti prevaricatori sulle compagne meno estroverse e più timide, instaurando un clima di terrore e soggezione continuo.
Dopo l’ennesimo atto di bullismo perpetrato ai danni della sua migliore amica Dina (Yara Mustafa), Mariam chiede aiuto al personale scolastico per fermare ciò che accade, senza però ricevere soccorso da nessuno. Layan e le sue amiche, dopo averla pestata nel cortile della scuola le dichiarano guerra.
Da quel momento in poi, Mariam ha in mente solo una cosa: vendicarsi, e la vendetta diventa per lei una vera e propria ossessione, tanto da trasformarsi rapidamente da vittima in carnefice e far la fine delle sue stesse aguzzine.

Perché vedere AlRawabi School for Girls

Tutto è rosa, all’apparenza, in AlRawabi School for Girls: le pareti della scuola, le maioliche del bagno, le uniformi delle ragazze, il loro make up, gli smartphone, gli accessori.
Tutto sembra perfettamente stabile e in ordine agli sguardi meno attenti, ma dietro le mura domestiche, di rosa, rimane ben poco.
Dietro le mura domestiche è facile essere minacciate con una pistola o un pugno da un padre o un fratello per aver risposto all’sms di un ragazzo, o aver indossato la gonna qualche centimetro più in alto del dovuto.
Dentro le case, nessuna donna è davvero al sicuro e deve fare i conti, ogni minuto di ogni giorno, con minacce, precetti religiosi e libertà microscopiche difficili da conquistare.

L’educazione e la cultura che le ragazze di AlRawabi subiscono ogni giorno, insegna loro a non alzare la testa, ad abbassare lo sguardo, a non dire una parola di troppo.

Innovatrici, percorritrici e artefici del futuro” cantano le compagne di classe di Mariam e Layan, ma è solo un inno disperato in fondo, e le ragazze lo sanno bene. Guardano speranzose all’Occidente, oppresse dal patriarcato, libere solo per finta, “rosa” solo all’apparenza.

AlRawabi School for Girls racconta una storia come tante, di bullismo, vendetta e violenza, dove nessuno è buono o cattivo: dove Mariam e Layan, con le loro rispettive alleate, si passano lo scettro di buona e cattiva di episodio in episodio (sono 6 in totale).  Sono le due facce di una stessa medaglia, con tratti caratteriali ben definiti che le accomunano: sono sognatrici, ostinate, fragili e spaventate.

Dimenticate le favolette femminili a lieto fine romantiche e rassicuranti e i teen drama poco impegnativi e sessualmente trasgressivi: AlRawabi School for Girls è una serie (non priva di difetti indubbiamente, soprattuto nei dialoghi) che vi scuoterà fin nel profondo, soprattuto nel finale.
Una serie sulle donne raccontate dal punto di vista delle donne,  una storia fuori dagli schemi tradizionali, ambientata in quel Medio Oriente caratterizzato da una moltitudine di vite e sfaccettature sconosciute in altre parti del mondo.
Un po’ come accadde lo scorso anno con Unorthodox, anche AlRawabi School for Girls porta alla luce una storia che merita di essere raccontata e ascoltata.

SE SIETE ALLA RICERCA DI SERIE TV SIMILI A AlRawabi School for Girls DA VEDERE, SCARICATE L’APP GRATUITA DI TV TIPS DISPONIBILE PER IOS E ANDROID.
SOLO TV TIPS VI SUGGERISCE SERIE TV DA VEDERE PERFETTE PER I VOSTRI GUSTI, PER NON SCROLLARE ALL’INFINITO I CATALOGHI DELLE PIATTAFORME DI STREAMING QUANDO NON SAPETE CHE SERIE TV INIZIARE.