Baby, la nuova serie italiana di Netflix sulle baby squillo dei Parioli

Netflix
Baby di Netflix

Dopo il lancio mondiale di Suburra La Serie e il grande successo di pubblico e critica riscosso, Netflix, prosegue il suo investimento nelle produzioni europee e annuncia oggi la seconda serie originale italiana in produzione, dal titolo Baby.
Soddisfatti dell’ottimo seguito ottenuto da Suburra La Serie, Erik BarmackVice President International Originals a Netflix – e il suo team hanno deciso di attingere ancora una volta dai fatti di attualità della società romana contemporanea, per il secondo prodotto in cantiere.
Baby è una storia di formazione che esplora le vite segrete degli adolescenti di Roma.
Liberamente ispirata a una storia vera, lo scandalo delle baby squillo scoppiato a Roma nell’estate 2014, la serie racconta le vicende di un gruppo di ragazzi dei Parioli in cerca della propria identità e indipendenza tra amori proibiti, pressioni familiari e segreti condivisi.
La serie drammatica in 8 episodi esplora le più diverse esperienze dei teenager italiani attraverso lo stile audace dei GRAMS, un nuovo collettivo di scrittori composto da cinque giovani autori: Antonio Le Fosse, Eleonora Trucchi, Marco Raspanti, Giacomo Mazzariol e Re Salvador.
Gli scrittori Isabella Aguilar e Giacomo Durzi si sono uniti al gruppo, contribuendo con la loro visione al racconto della vicenda.
Netflix è entusiasta di dare espressione a voci nuove e originali che con un approccio innovativo alla narrazione renderanno la serie un caso unico e senza precedenti all’interno della piattaforma.
Baby è prodotta da Fabula Pictures e le riprese inizieranno nel 2018.
Proprio Erik Barmack, ha affermato: “Siamo orgogliosi di continuare ad investire in contenuti originali in Italia e Baby è rappresentativa dei nuovi e avvincenti programmi dei produttori di talento che amiamo. Non potremmo essere più emozionati di iniziare a lavorare a questa serie”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>